Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.

"Chi salva un'anima, ha assicurata la propria alla felicità eterna" (Sant'Agostino).

Guarda il video e ascolta la voce di Suor Pura Pagani

Novità - Suor Pura Pagani - la suorina di Verona he faceva miracoli come Padre Pio

lunedì 9 settembre 2013

Libri in vetrina: Il piccolo Cristo

Il piccolo Cristo
Autore: Leonardo Bruni
Edito da: Quinto evangelista
pag. 191, formato 15x21, € 13
Brossura fresata

Modalità di acquisto con paypall sul sito: www.quintoevangelista.it

Il libro inizia con la presentazione di tutti personaggi attraverso una legenda, che ne spiega il ruolo ed il grado di parentela con il protagonista. Tutta la storia ruota intorno a Erosa, “timorato, anzi innamorato di Dio”. Sposato con Margherita e padre di Carla, Laura e Paolo, conduce l'esistenza all'insegna di una fede profonda.

Convinto che la missione dell'uomo, sia adoperarsi a vivere secondo l'esempio di Cristo (Lui), vede nei grandi e piccoli avvenimenti, che presiedono la vita quotidiana anche l'ombra del maligno (l'Altro). L'eterno seduttore che svia l'umanità dal messaggio della felicità evangelica.


Il protagonista fermo su posizioni che agli altri appaiono rasentare il fanatismo, riottoso ad adattarsi ai compromessi e alle furbizie del mondo, si ritrova a vivere l'eterno dilemma del giusto perseguitato.
Si vede portare via dai maneggi del socio e del commercialista la ditta, garanzia del benessere familiare, e si ritrova quarantenne fallito. L'abbandono fiducioso alla volontà di Dio, panacea di tutti i mali, scava un solco sempre più profondo tra lui e gli altri. Perde la stima, ma non l'affetto, della moglie e dei figli, trascorrendo gli anni nella tormentosa dicotomia tra l'attaccamento alla propria fede e il sotterraneo dubbio di una mancata realizzazione.

La collocazione della vicenda nel tempo è abbastanza facile da dedurre. Ci sono di aiuto i riferimenti di lavoro nella fabbrica, essendo Eros un tecnico tessile. In un periodo in cui Franco, il marito di una delle figlie, subisce un tracollo perché contadino. Le contestazioni operaie e studentesche ci illuminano sul periodo negli anni '60-'70.

Un impianto narrativo sobrio, vede un largo ricorso alla focalizzazione interna, tesa da un lato ad illuminare i processi psichici dei personaggi, dall'altro a sorreggere l'azione. Al protagonista, osservato ora dal punto di vista del narratore esterno, ora secondo la prospettiva interna dello stesso Eros, fanno da contrappunto e da controcanto le figure dei figli e della moglie. Fungendo ad un tempo da complemento e da contrasto all'auto rappresentazione del “piccolo Cristo”.

Lo svolgimento della vicenda nel finale porta ad un nuovo equilibrio. Diverso dallo svolgimento dei fatti. Fabula e intreccio coincidono, attraverso il trasferimento in Inghilterra, da una figlia.
Finché c'è vita c'è speranza...


Nessun commento:

Posta un commento

LA SACRA BIBBIA INTERATTIVA

LA SACRA BIBBIA INTERATTIVA
La versione CEI