Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.

"Chi salva un'anima, ha assicurata la propria alla felicità eterna" (Sant'Agostino).

Guarda il video e ascolta la voce di Suor Pura Pagani

Novità - Suor Pura Pagani - la suorina di Verona che faceva miracoli come Padre Pio

mercoledì 19 giugno 2013

Il dono delle lacrime – come ottenere il carisma della pietà

“Si versano più lacrime per le preghiere esaudite che per quelle non accolte” - Truman Capote, Preghiere esaudite, 1987 (postumo e incompiuto)

Quando sentii parlare per la prima volta del dono delle lacrime, avevo già iniziato da qualche anno il mio cammino spirituale. Fu nel corso di un seminario del Gruppo del Rinnovamento di Trento, diretto da don Renato Tisot. Il responsabile anziano del piccolo nucleo al quale ero stato assegnato ne parlò in una sua testimonianza in occasione dell’effusione dello Spirito Santo sugli effusionandi.
Ne rimasi colpito e allo stesso tempo affascinato e mi aprì ad un nuova esperienza spirituale: quella della pietà cristiana.

Il fratello anziano del gruppo quel giorno disse che questo dono consiste nello spargimento di lacrime in segno di contrizione dell’anima per i peccati commessi. Esso si manifesta con la più semplice e liberatoria delle manifestazioni, quella delle lacrime appunto.

Questo può accadere in ogni momento della giornata ma il momento più frequente, secondo la nostra esperienza e le testimonianze di altri fratelli nella fede, è senz’altro quello della Celebrazione Eucaristica, oppure quando ci si raccoglie in umile preghiera davanti al SS. Sacramento.

Nel corso della Messa si possono raccogliere le grazie più grandi e Dio è disposto a concederle a coloro che gliele chiedono con semplicità ed umiltà. Tuttavia l’ottenimento di una favore divino (permettetemi questa espressione) passa attraverso una precisa disposizione interiore: quella di odiare il male e le sue conseguenze (il peccato) e dal desiderio di riparare e fare il bene.
A meno di una grazia speciale (miracolo) tali disposizioni non sono acquisibili in modo automatico ma sono il frutto di un lungo e faticoso cammino di crescita.


In questo libro l’autore spiega il significato del dono delle lacrime sia dal punto di vista antropologico che spirituale e indica un cammino per ottenerlo. Non si tratta di un carisma straordinario ma di una manifestazione molto diffusa che tutti noi possiamo avere. Come ha affermato Papa Francesco in un suo intervento, noi siamo invitati a chiedere il dono delle lacrime perché proprio le lacrime ci preparano a vedere Gesù e a condividere con lui un’eternità di gioia. Non solo, questo carisma ci aiuta a discernere e capire qual è la strada migliore da percorrere nel complesso cammino di fede e di crescita interiore. All’interno del volume è possibile leggere oltre ad alcune toccanti esperienze sul dono delle lacrime, anche le preghiere per ottenere questo straordinario carisma.

Il libro è disponibile nei formati brossura sul sito di Lulu Enterprise e in versione epub e pdf nelle migliori librerie on line come Amazon, Apple Store, Ultimabooks, Feltrinelli, Inmondadori, ecc.

Beppe Amico – autore di: “Il dono delle lacrime – Come acquisire il carisma della pietà”

Forse potrebbero interessarti anche:

"Preghiere e devozioni per il cammino spirituale" Lulu Enterprise 2012 - Simplicissimus book farm 2012 (192 pagine). Disponibile in versione stampata cliccando quì. In versione ebook cliccando quì          

"The book of life - il libro della vita - psicologia spirituale - i segreti dei grandi maestri"
Lulu Enterprise 2012 - Simplicissimus book farm 2012 (113 pagine). Versione brossura: clicca quì  Versione ebook: clicca quì
                       
"Guarigione fisica e interiore - il potere della preghiera e dei sacramentali"
Lulu Enterprise 2012 – Simplicissimus book farm 2012 (127 pagine).
Disponibile in versione ebook cliccando quì In versione stampata cliccando quì

"David - cronaca di un tentato suicidio - una storia vera"
Lulu Enterprise – Simplicissimus book farm (72 pagine).
Disponibile in brossura cliccando quì In versione ebook cliccando quì 

“Lettera a Gesù - un grido verso il cielo”
Lulu.com (Lulu Enterprise) 2010 (78 pagine)



giovedì 13 giugno 2013

Beati quelli che credono...

Oggi sono entrato in una chiesa dove si adorava Gesu' sacramentato e mi chiedevo perche' il re del mondo, l'uomo piu' importante di tutti i tempi se ne stesse li cosi' solo. Poi mi sono chiesto anche se ci fosse stato qualche vip famoso o un politico di grido la chiesa certamente non basterebbe per contenere tutti i curiosi, pronti a tributare loro onori. Perche' tutto questo? 

Solo perche' Gesu' e' invisibile ai nostri occhi? Che stolti!!! E' con gli occhi del cuore che dobbiamo vederlo...perdona Gesu tanta indifferenza...ti ringraziamo per la grazia della fede, perche' tu hai detto beati quelli che pur non vedendo crederanno, di essi e' il Regno dei Cieli.

lunedì 10 giugno 2013

Inchiesta sull'inferno di Padre Livio Fanzaga

In questo post desideriamo proporvi un libro del predicatore di Radio Maria Padre Livio che in quest'opera propone uno studio sull'inferno in relazione alle apparizioni di Medjugorie. Leggiamo la recensione del libro che troviamo nelle migliori librerie in line.

Il giudizio universale e la dannazione eterna sono apocalissi che l'uomo contemporaneo ha rimosso dalla propria coscienza e che la stessa Chiesa Cattolica spesso fatica ad ammettere. Si tratta di un tema che è sempre più trascurato, anche dalla predicazione, quasi che l'Inferno sia colpito da una sorta di congiura del silenzio: un silenzio che contrasta con la necessità di recuperare la prospettiva dell'eternità e della salvezza. 



Stabilito che l'Inferno esiste ed è eterno, bisogna precisare a quali condizioni ci si vada: morendo in stato di peccato mortale e senza pentimento. Le condizioni per la perdizione eterna sono espresse con chiarezza dal Magistero della Chiesa cattolica, tuttavia di nessun'anima si può dire con certezza che sia all'Inferno, forse neppure di Giuda, il Traditore. 




Dopo aver trattato delle pene infernali, l'inchiesta sull'Inferno prosegue esaminando la concezione degli Inferi e della perdizione eterna nella Sacra Scrittura e nella dottrina cristiana dai primi secoli al concilio di Trento. Si presentano quindi le diverse visioni dell'Inferno avute da santi e mistici cristiani, fino a quella straordinaria esperienza che è il viaggio nell'Aldilà compiuto in anima e corpo da Jakov e Vicka, due dei veggenti di Medjugorje, accompagnati dalla Regina della Pace. Un viaggio nella tradizione teologica e nella devozione popolare che smuove la coscienza e lascia il segno.

mercoledì 5 giugno 2013

Cerchiamo di essere uomini giusti

Non è un'esortazione certamente. E' piuttosto un invito.
Essere giusti nell'epoca attuale è quanto di più complesso ci possa essere. 
Ma cosa significa essere giusti? E soprattutto ha ancora senso esserlo in un mondo che apparentemente vive solo nel'ingiustizia?
Noi siamo convinti che tutto ciò che facciamo di bene, anche la cosa più piccola, avrà certamente una contropartita già in questa vita. Per poi avere una ricompensa eterna quando ci troveremo nel mondo della vita che verrà.
Pensare al proprio futuro eterno ed investire su di esso è la cosa più saggia che un uomo possa fare. C'è chi si affanna a raggiungere e concretizzare progetti ambiziosi che costano fatica, sudore e danaro e non pensa affatto di investire qualcosa anche per il suo futuro eterno. Noi ci affanniamo a realizzare il nostro benessere nel mondo sapendo che un giorno dovremo lasciarlo. Che fine faranno allora i nostri progetti, le cose che abbiamo costruito, tutto quello che abbiamo accumulato. Tutto finirà in polvere e non ci sarà ricordo alcuno di quello che abbiamo fatto all'infuori del bene che saremo riusciti a realizzare.
Essere giusti quindi è guardare con gli occhi della pietà i nostri fratelli e capire i loro bisogni, esserne inteneriti e volerli soccorrere nel bisogno. 


Talvolta dobbiamo sforarci enormemente per raggiungere un piccolo traguardo ma state pur sicuri che, anche se piccolo, avrà la sua retribuzione da Colui che tutto vede e prepara la nostra casa nei cieli. Una casa solida edificata su fondamenta forti, dove nessun vento o tempesta la potrà abbattere, dove nessun ladro entrerà per rubare, dove regnerà il silenzio, la pace, la felicità senza fine.

Essere giusti è contemplare l'altro con occhi disincantati, vederlo come chi come noi sospira e si affanna per un po' di serenità tra le mille traversie della vita.
Pietà, misericordia, amore, condivisione, preghiera continua e fiduciosa per il nostro progresso spirituale e per il bene del nostro prossimo. Se siete pervasi da questi sentimenti...siete sulla strada della santità e Dio non potrà che apprezzare ogni vostro piccolo sforzo. Egli spianerà anche le strade più insidiose e non farà mancare mai il suo sostegno e il suo conforto.
Non temete, io sono con voi fino alla fine del mondo, disse Gesù prima di salire al Cielo e mandare lo Spirito Santo. Se lavoriamo con il Figlio di Dio, la via sarà sicura e la meta certa.
Che Dio vi benedica!

LA SACRA BIBBIA INTERATTIVA

LA SACRA BIBBIA INTERATTIVA
La versione CEI