Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.

"Chi salva un'anima, ha assicurata la propria alla felicità eterna" (Sant'Agostino).

Guarda il video e ascolta la voce di Suor Pura Pagani

Novità - Suor Pura Pagani - la suorina di Verona che faceva miracoli come Padre Pio

lunedì 1 marzo 2010

PREGHIERA DI GUARIGIONE E LIBERAZIONE

Il magistero ecclesiastico pur riconoscendo determinate formule di preghiera come preci utili per la guarigione spirituale e fisica, consiglia al cristiano molta prudenza nel loro uso, soprattutto per ciò che riguarda le preghiere di esorcismo che qualche libro definisce semplici orazioni per la liberazione e la guarigione spirituale. In realtà alcune di queste formule sono dei veri e propri esorcismi e non è permesso recitarle ai fedeli. Spesso si è parlato della preghiera di esorcismo di Leone XIII, potente preghiera contro gli spiriti immondi che il celebre Pontefice aveva composto e scritto dopo quella terribile visione avuta verso la fine del XIX secolo, nella quale vide approssimarsi il dominio di satana, la sua influenza nel mondo e il pericolo che correva l’umanità intera. Compose anche la preghiera di intercessione all’Arcangelo S. Michele e dispose che venisse recitata al termine della Messa domenicale in tutte le parrocchie, al fine di tutelare i fedeli di ciascuna comunità e metterli in guardia dalla insidie del demonio che divenivano sempre più spietate e violente.
Col passare degli anni questa usanza venne a cadere. Ritengo che sarebbe opportuno ripristinare questa formula, in uso solo fino a pochi decenni fa.
Di pensiero e opinione diversa invece sono riguardo alla famosa preghiera di esorcismo che fu da lui preparata e il cui testo che troviamo sui libri oggi in circolazione nulla ha a che fare con la formula originale. Si tratta piuttosto di un surrogato, di una versione rimaneggiata e orfana di molti pezzi, in realtà tagliati o censurati, se preferite, perchè ritenuti inadeguati e pericolosi per i fedeli.
Tuttavia, nonostante questa attenta revisione del testo, il Magistero ecclesiastico ancora vieta di recitarla privatamente e a maggior ragione nei gruppi di preghiera, perchè si ritiene una sfida vera e propria agli spiriti infernali e pertanto assai pericolosa per chi ne fa uso.
La dottrina della fede sconsiglia in modo chiaro ed inequivocabile al cristiano di mettersi in prima linea e di combattere i demoni in maniera così diretta, come potrebbe fare un esorcista che invece è in possesso di regolare autorizzazione del Vescovo della sua diocesi.
Chi la recita, commette un atto di disubbidienza alla Chiesa. E’ opportuno usare prudenza e discernimento in questi casi, perchè alcuni teologi consigliano di combattere le insidie del demonio, usando appunto la preghiera di esorcismo di Leone XIII.
Per ciò he mi riguarda, io stesso l’ho recitata, ma debbo ammettere che oltre che di fede certa e inossidabile, c’è bisogno di una corazza forte per non cadere preda delle lusinghe e delle tentazioni dell’impuro apostata. Non consiglierei il cristiano di farne uso, anche perchè credo che anche una sola Ave Maria recitata con fede faccia tremare l’inferno intero ed allontani ugualmente da noi le insidie di satana. Ciò che conta è l’abbandono al Signore, la fiducia che siamo disposti ad accordargli e l’amore caritatevole verso il prossimo, che riflette l’amore di Dio, con il quale viviamo nel mondo.
Per ciò che riguarda altre formule, sono a conoscenza di quelle che si trovano su molti testi liturgici e di orazioni, quelle usate nelle Messe di guarigione e liberazione, quelle di Mons. Milingo ad esempio o ancora quelle del Rituale Romano. Se sono oggetto di studio, ben venga una visione di queste, ma attenzione all’uso che ne desiderate fare. Personalmente consiglio sempre in questi casi di rivolgersi al proprio direttore spirituale. Egli certamente saprà come consiglarvi.


La preghiera di liberazione nel Rinnovamento.


Don Gabriele Amorth, famoso esorcista della diocesi di Roma, dedica un capitolo intero a questo argomento nel suo libro “Esorcisti e psichiatri”. Ecco alcuni suoi pensieri:
“La Bibbia - scrive - ci dice che la vita dell’uomo su questa terra è una lotta (Giobbe 7,1). Contro chi ? Paolo è chiaro: contro i demoni (Efesini 6,12). Quanto durerà questa lotta ?...”Tutta intera la storia umana è pervasa da una lotta tremenda contro le potenze delle tenebre; lotta incominciata fin dall’origine del mondo e che durerà, come dice il Signore, fino all’ultimo giorno” (Gaudium et spes, n.37).
Il cristiano moderno, per lo più, ha perso il senso di questa lotta. Così ha perso il senso del peccato ed è giunto ad una immoralità totale di vita, che i cardinali hanno definito “notte etica”...Le preghiere di liberazione...sono preziose per scoprire se si nasconde un male di carettere malefico, ossia giovano già ad una prima diagnosi...i cattolici avevano abbandonato questa forma di preghiera e l’hanno ripresa vedendola praticata largamente e con frutto dai pentecostali...la preghiera di liberazione è stata soprattutto divulgata da uno dei massimi movimenti ecclesiali del post-Concilio, il Rinnovamento (si parla di circa 85 milioni di aderenti tra i cattolici) e molti di noi esorcisti, vista la preziosità e l’aiuto che ne proveniva, ci siamo appoggiati a gruppi del Rinnovamento. Non ho nessuna esitazione a dire che è l’unico grande movimento ecclesiale sensibile a questi problemi e disposto ad accogliere ed aiutare persone affette da questo tipo di mali...L’incalzare continuo dell’occultismo e dell’esoterismo, il prolificare delle sette sataniche, il moltiplicarsi di maghi e fattucchieri portano a spasso per il mondo il grande nemico...La presa di coscienza della pericolosa attività di satana ha dato origine, in seno al Rinnovamento, fin quasi dall’inizio, alla pratica della preghiera di liberazione, che già praticavano e praticano tuttora molto largamente i pentecostali...Si pensò...di premettere una preghiera di liberazione, che ebbe i suoi effetti; gli ammalati, dopo quella preghiera, erano più disponibili, più facili a recepire la grazia della guarigione...
Il libro di Don Amorth cita poi il Battesimo nello Spirito con alcune pagine tratte da un’opera di P. Matteo La Grua. Ecco cosa scrive il celebre esorcista siciliano:
“Battesimo nello Spirito, che noi chiamiamo effusione dello Spirito santo...Sembra accertato che questo rito fosse praticato nella Chiesa fin dal VIII secolo, ma poi è andato perduto. Un recentissimo studio di teologi ha dimostrato che fino all’VIII secolo era praticata la preghiera di effusione, considerata come un completamento dei tre sacramenti dell’iniziazione cristiana (battesimo, cresima, eucaristia). Ora si cerca di recuperare questa pratica in modo da rafforzare il cristiano nella lotta e di inserirlo bene nel corpo ecclesiale, per l’edificazione del Corpo Mistico di Cristo.
Noi notavamo, dando l’effusione, che tante persone non erano libere; attraverso un’introspezione interiore si rilevava che le potenze dello spirito erano come intasate, c’erano delle remore, delle incapacità a recepire le mozioni dello Spirito, le illuminazioni dello Spirito. E senza queste illuminazioni e mozioni dello Spirito, il cristiano non può vivere pienamente la fede, la speranza, la carità...Quale stile di preghiera noi usiamo nella liberazione?...uno stile di preghiera comunitaria...Non preferiamo la preghiera singola come si fa nell’esorcismo...nella preghiera di liberazione opera la comunità...ho notato la forza straordinaria della preghiera di lode: sprigiona una forza potentissima...Adesso, ogni volta che il nemico sente la preghiera di lode, risente la vittoria di Cristo, da cui è stato sconfitto. La lode a Dio è ora il canto di Cristo vittorioso: sulla morte, sul peccato, sui demoni.(Esorcisti e psichiatri, Don Gabriele Amorth - ed.Dehoniane Roma, 1996 - da pag.139 a pag.150).

Fonte: "Gesù, Gesù, perchè mi perseguiti" di Beppe Amico (inedito).

§§§

Ti interessa un libro di preghiere di Guarigione e liberazione e di tradizione cattolica?

scaricalo subito in edizione ebook al prezzo speciale di 1,99 euro


Nessun commento:

Posta un commento

LA SACRA BIBBIA INTERATTIVA

LA SACRA BIBBIA INTERATTIVA
La versione CEI